Down

Letterina a Shonda Rhimes da una fan preoccupata

By on 12 Maggio 2016

Cara Shonda,
a nove giorni dal season finale di Grey’s Anatomy mi ritrovo a domandarmi cos’altro la tua mente deviata possa aver partorito per farci pagare una dodicesima stagione fin troppo placida: é passato appena un anno dalla morte di Derek, é vero, ma stento a credere che gli insulti e le minacce di morte ricevuti negli scorsi trecentosessantacinque giorni ti abbiano impedito di partorire l’ennesima tragedia dello show.

Grey’s Anatomy é quell’esperienza di vita iniziata come “oh, un nuovo medical drama con manzi in camice” ed evoluta, attraverso dodici stagioni e undici anni, in un’unica, rappresentativa, parola: MAINAGIOIA.

Ormai nessuno etichetta più Meredith Grey come la ragazza in un bar, ma piuttosto come un infelice ibrido fra Jessica Fletcher e il Detective Conan: una calamita per tutte le calamità del mondo, tristemente attirate fra Seattle e Washington. Dopo Danny, George, Izzie, Reed, Charles Percy, Henry, Teddy, Mark, Lexie, Adele, Heather, Ross, Cristina, Derek e dipartite minori che non sto a contare per evitare di fare mattina, il cast originale si riduce a quattro gatti (ma proprio quattro, se teniamo presente che dei regular della prima stagione ci rimangono giusto Meredith, Alex, la Bailey e Webber) e le scelte sono poche, perciò sono qui, con il cuore in mano, a chiederti di non fare una scelta.

Meredith é una madre single (di tre figli che cita una puntata si e sei no) a cui non può, umanamente, succedere altro: ragazza cupa e torbida con un complesso d’inferiorità nei confronti della madre che ha contribuito alla storia della medicina e che si é ammalata di Alzheimer, ha avuto una relazione con un uomo sposato, é annegata-morta-resuscitata, si é trovata a stringere nella mano una bomba, ha perso un figlio e ha scoperto di avere un utero ostile, é stata vittima di un disastro aereo, é sopravvissuta a sua sorella, ha partorito durante una tempesta, ha “perso” la sua persona, ha creduto di essere stata tradita, ha staccato la spina all’amore della sua vita ed é diventata l’insegnante di uno dei motivi per cui l’ha dovuto fare, é stata assalita da un paziente e ora, dopo undici anni, ha raggiunto la pace dei sensi. Davvero potresti distruggere questo fragile equilibrio?

Alex é cresciuto, dio se é cresciuto. Non attacca più la sifilide alle infermiere né fa il gradasso a discapito degli amici. Ha un lavoro stabile che lo vede avere a che fare con i bambini ogni giorno, una fidanzata che non sarà Izzie ma é una tipa tosta. Niente donne psicopatiche che tentano il suicidio facendosi un sandwich o malate di cancro con la propensione a fuggire, nessuna pallottola in corpo o fobia per gli ascensori.

Callie é stata eterosessuale, omosessuale, bisessuale. Si é sposata, é stata tradita, ha divorziato, si é innamorata, si é sposata, ha avuto una figlia, é stata tradita, ha divorziato. É sopravvissuta ad un incidente d’auto e alla moglie che la incolpava per la gamba amputata. Ha collaborato a un progetto sperimentale per veterani, ha riversato tutto il suo amore su Sofia fino a scoprire di potersi fidare di nuovo di qualcuno, anche se questo qualcuno proprio non ci piace. É diventata un personaggio completamente differente da quello che é stato dalla prima stagione di Grey’s Anatomy, e ha perso la figlia a causa di null’altro che della sua impulsività. Non é forse sufficiente?

Arizona ha perso il fratello, la gamba, la moglie. Dopo stagioni di magra e quiz insieme Webber ha finalmente ritrovato la propria voce e ottenuto la custodia di sua figlia senza perdere se stessa o andar contro ai suoi valori. Saresti in grado di infrangere questo lieto fine?

Owen é stato un reduce di guerra con problemi d’aggressività repressa, una fidanzata con cui si é finto morto e una sorella morta anche per causa sua. Ha trovato e perso l’equilibrio con Cristina, si sta nuovamente bilanciando con Amelia. Amelia che é un disastro ambulante, ma che arrancando ce la fa. Supera la morte del padre, del fidanzato, del fratello. Partorisce un bambino anencefalico. Lotta contro le dipendenze una moneta della sobrietà alla volta.

Jackson e April e il loro baby Samuel, Webber con moglie ed amante morte di Alzheimer, la Bailey divorziata perché ambiziosa che sviluppa un ODC a causa di un intervento andato storto… Insomma, puoi davvero dire, in tutta sincerità, di non aver sfogato a dovere le tue inclinazioni sadiche?

Non é un consiglio quello che ti dò, ma una richiesta che ti faccio dal profondo del cuore: sii inaspettatamente noiosa, questa volta. So che il coltello dalla parte del manico l’hai tu, che il mio “basta, dopo di questa non lo guardo più” é meno credibile di ogni proposito di dieta, ma mettiti una mano sulla coscienza e lascia questi poveri dottorini a salvare vite senza incendi, uragani, meteoriti e attacchi dell’ISIS.
Io credo in te, non mi deludere per la dodicesima volta.

Piena di speranze, ma con l’abito nero già a prendere aria sulla stampella.
Una fan preoccupata di Grey’s Anatomy

TAGS
RELATED POSTS
Search