Up

Tutto quello che devi sapere per cucinare una Carbonara senza spingere nessuno al suicidio

By on 6 Aprile 2017

Esiste un ente che si chiama IPO, International Pasta Organization. Per una volta, giuro, non sono ironica. L’IPO ha decretato che oggi, 6 aprile 2018, è il #CarbonaraDay, un giorno interamente dedicato alla pasta più amata dagli italiani. La sua ricetta è controversa ed esistono i puristi che sarebbero disposti a uccidere per una grattata di parmigiano non richiesto. Da romana DOC e cuoca-solo-di-pasta-carbonara, vi svelo come la faccio io. Preparandomi alle lettere minatorie dei sopracitati.

Ingredienti per 4 persone
spaghetti
guanciale a piovere
1 tuorlo di uovo per persona
uno spruzzo di pecorino
sale & pepe

Allora, la situazione iniziale è questa: l’acqua nella pentola, la padella è sui fornelli. Step uno: accendere i fornelli. Che sembra scontato, ma nella vita niente lo è. Tagliate il guanciale a striscioline, e quando la padella è calda buttatele dentro. Per essere pronte & croccanti, le striscioline impiegheranno circa sei minuti, ma di tanto in tanto assaggiate, che per mangiare guanciale ogni scusa è buona. Nel frattempo l’acqua starà bollendo. Aggiungete sale (fffatto?) e poi spaghetti. Un paio di cucchiai di quest’acqua metteteli nel guanciale, così si sfuma meglio. Poi mentre la pasta cuoce, rompete le uova, buttate gli albumi o conservateli per qualche altra ricetta che non sarò io a suggerirvi e mettete i tuorli in un bicchiere. Girateli con una forchetta finché non sembra che siano uniformi, e aggiungete pepe e pecorino e poi girate ancora finché non vi fa un po’ male la mano.

È il momento di scolare la pasta. Lasciate la fiamma bassa bassa bassa e ributtate la pasta scolata nella pentola, unendo il guanciale. Poi spegnete la fiamma e aggiungete l’uovo + pecorino + pepe. Io a questo punto aggiungo un’altra spruzzata di pepe, ma sono gusti. Ora mischiate bene, assicuratevi che il guanciale non sia tutto sopra e tutto sotto, e mangiate ben caldo e cremoso.

Ora sapete cucinare una buonissima Carbonara alla me. Leggerete, soprattutto oggi (dalle 12 alle 14 e dalle 17 alle 19 su twitter ci saranno dirette su dirette), tantissime ricette diverse, ma questa, ve lo giuro, è popo bona. 

Se volete conquistare una romana, non fatele una Carbonara. Saprà sicuramente farla meglio di voi. Ma se proprio non resistete, ecco i cinque errori che mai, ma proprio mai, ma proprio mai mai dovete fare. In ordine crescente di gravità.

Sostituire il guanciale. Sulla pancetta possiamo essere tolleranti, se proprio non avete trovato il guanciale. Ma non sul resto. Prosciutto? Speck? Vade retro satana.
• Sostituire il pecorino con il parmigiano.
Far rosolare il guanciale con cipolla o aglio. La Carbonara è buonissima così com’è, non aggiungiamo sapori a caso.
Far cuocere le uova tanto da farle diventare una frittata. Le uova crude possono anche fare impressione, ma non fatevi spaventare: le uova vanno aggiunte alla fine, a fuoco spento. Ci pensa il calore della pasta a cuocerle.
La panna. La panna? Piuttosto la morte. La cremosità della Carbonara è data dalle uova. La panna la mettono solo gli assassini.

Ora che sapete come cucinare la Carbonara e soprattutto come cucinare la Carbonara senza spingere nessuno al suicidio, siete pronti a festeggiare questo #CarbonaraDay. Buon appetito!

 

TAGS
RELATED POSTS
Search