Up

GoodReads – l’Eden dei lettori compulsivi

By on 26 Giugno 2017

Io sono una mente disorganizzata. Ho le note del cellulare piene di cose da fare, film da vedere, libri da leggere – soprattutto libri da leggere. Una copertina invitante nella vetrina di una libreria, un consiglio di Tegamini (di cui abbiamo parlato qui), un titolo dimenticato: la lista si allunga, il tempo stringe, la possibilità di confronto è sempre più remota. Fortunatamente qualcuno che legge c’è ancora – ma che legge davvero, tutto d’un fiato, con la voglia di parlarne allo sfinimento – e quel qualcuno non ha avuto paura di condividere con me la mappa per l’Eden dei lettori; GoodReads, la rete social per i bookaholics.

Si tratta di un social network semplicissimo, che permette di creare un profilo personale, specchio della nostra anima di carta: niente foto del buongiorno, filtri da cani o fastidiose stories, semplicemente libri su libri su libri. Ogni utente ha la possibilità di personalizzare il proprio profilo con libri letti e wishlist, dare valutazioni e recensioni, partecipare o creare reading challenges, di libera ispirazione o a tema; ad esempio, avete mai pensato di poter dare del filo da torcere a Rory Gilmore? Oltre le venti recensioni e in base ad un algoritmo che analizza le preferenze letterarie di ogni utente, GoodReads inizia a suggerire libri; se la vostra avidità supera la vostra pazienza, non demordete! Potrete fin da subito confrontarvi con altri utenti e partecipare a gruppi di confronto e dibattito; non sarà difficile trovare qualcuno sulla vostra stessa lunghezza d’onda all’interno degli oltre 18mila utenti del sito.

GoodReads non è solo un social per i lettori, ma anche per gli autori e per gli scrittori in erba; ogni utente può infatti aggiungere i propri libri e sponsorizzarli con la consapevolezza di starsi muovendo fra un pubblico seriamente interessato alla lettura. Per i meno impegnati – quelli che come me scrivono per diletto qualche pagina Word senza capo né coda – esiste invece la sezione Creative Writing, dove sono raccolte opere di ogni sorta; storie originali, fanfiction, tutto comodamente organizzato per categorie.

Non c’è bisogno di molto: una email, la voglia di confrontarsi e una insaziabile fame per i libri. Se non vi ha convinto quanto ho scritto, vi basterà visitare il sito per sentirvi a casa – di quelle case con le pareti di carta, ma che nemmeno il più tenace e bradburiano dei lupi riuscirà ad abbattere.

TAGS
RELATED POSTS
Search