Up

Calzini spaiati e amore per i libri: intervista a una book blogger

By on 20 Settembre 2017

“Sogno un mondo di parole povere ma buone, libero da apostrofi dritti e orrori di ortografia, dove le uniche gabbie ammesse siano quelle dietro le pagine. La cosa che mi riesce meglio è far venire voglia di leggere.”

A Veronica regalano libri. Tipo, il mio sogno della vita. Ovviamente sotto c’è molto di più, ed è per questo che le ho chiesto di raccontarci bene chi è e come fa. In arte si chiama I calzini spaiati, ha 30 anni, un blog di libri, una faccia simpaticissima e sa fare mille voci. E sì, sa leggere mille libri.

Partiamo dal nome: perché calzini spaiati?

calzini spaiati

Come succede spesso, è un nome nato per gioco. La cosa divertente è che a casa mia esiste davvero un cassetto dove finiscono tutti i calzini spaiati! Un giorno, mentre ero alla ricerca di un nome per il mio blog nascente, ho pensato che “il cassetto dei calzini spaiati” rendesse bene l’idea di un posto in cui mettere le cose senza importanza, in attesa che si trasformassero in qualcosa di migliore. Una coppia di calzini, per esempio. O un blog di libri! Solo dopo ho scoperto che alla domanda “dove vanno a finire i calzini” aveva già risposto Vinicio Capossela, e anche meglio di me.

 

Raccontaci del tuo blog: come funziona?

In un mondo ideale, mi piacerebbe avere un piano editoriale e riuscire a rispettare delle scadenze, ma la verità è che quando penso di non avere nulla di interessante da dire… non lo dico! Nel mio mondo invece, leggo dei libri, tanti libri, una valanga di libri, e quando trovo quello che mi fa innamorare abbastanza, prendo coraggio e ci scrivo su. Poi cancello tutto. Riscrivo. Cancello. Ci ripenso. Poi non riesco più a trattenermi e premo “pubblica”, come va va.

A volte capita che un editore mi contatti, proponendomi di recensire qualche titolo. Nella lettura, cerco sempre di dare la precedenza ai libri che mi incuriosiscono di più e a quelli fuori catalogo, che scovo nei mercatini dell’usato. Ma ammetto che quando un editore mi propone un bel libro, mi ci lancio subito. La vita è troppo breve per leggere libri che non ci piacciono!

Da dove ti è nata l’idea?

Di aprire un book blog invece che un fashion blog? Facile, mi piacciono le cose che interessano di meno! Scherzi a parte, è stato naturale: con i libri ci lavoro, nel tempo libero leggo o cerco libri. Di cos’altro potevo parlare? Mi piace pensare che quello che faccio sia utile agli altri: la mia missione è trovare il libro giusto per tutti gli appassionati di lettura che ancora non sanno di esserlo. 

calzini spaiati

E se un libro che ti propone un editore non ti piace, che fai?

Non capita spesso: ho un buon fiuto e sono molto selettiva. Ho anche molta fiducia negli editori validi e finora sono stata fortunata. Se proprio mi dovessi imbattere in una brutta sorpresa… dovrei scegliere tra silenzio stampa e recensione negativa. Valuterei entrambe le strade, sapendo che per dire male di qualcuno o qualcosa, bisogna impiegare il doppio del tempo e il doppio dell’intelligenza.

Quanto tempo impieghi di media a leggere un libro?

Ovviamente dipende dai libri. Diciamo che ne leggo quattro o cinque al mese, facendo una media. Ma senza contare le riletture, le ore in biblioteca, i libri lasciati a metà, i racconti sul comodino che tiro fuori nei momenti di sconforto…

La domanda più temuta da qualunque lettore: il libro che preferisci e il libro che odi.

Il libro della mia vita è Palomar. Non credo che Italo Calvino lo sapesse, ma lo ha scritto apposta per me. Sul libro che odio è più difficile, non so se ce ne sia uno in particolare. Forse Il piccolo principe. Non sono mai riuscita a coglierne la poesia. Ma l’orticaria vera e propria mi viene se mi avvicino alla fiera delle banalità di un Fabio Volo o di un Gramellini!


Di libri noi di Updown Girl parliamo spesso, tra Goodreads, consigli, recensioni di Lolita, e chi più ne ha più ne metta. Ebbene sì, siamo delle book-aholic ma da oggi in poi saremo anche delle calzinispaiati-aholic.

Se come noi volete seguire Veronica non perdetevi le sue dirette su Instagram e il suo blogGrazie Vero per averci svelato i tuoi segreti, e a presto!

TAGS
RELATED POSTS
Search