Up

Bentornata Updown Girl: i buoni propositi per l’anno nuovo

By on 18 Gennaio 2018

A mezzanotte del 31 dicembre mi trovavo (come immagino molti di voi) in un loft, ubriaca di vino e circondata dagli amici. Ho deciso che il primo dei miei propositi per l’anno nuovo sarebbe stato di farlo tutte le sere. Dodici ore dopo, mentre mi trascinavo fuori dal letto con le labbra secche e lo stomaco rivoltato, ho scelto il mio secondo proposito: non farlo mai più. Insomma, a mezzogiorno e zero due del primo gennaio avevo già formulato due obiettivi impossibili, e non avevo ancora nominato la palestra. Mentre trangugiavo del caffè, decidevo che se davvero avevo voglia di impegnarmi in qualcosa in onore del nuovo anno, allora la prima cosa da fare era dormire altre dodici ore e aspettare che mi passasse il mal di testa. Poi, mentre mio padre guardava Mission Impossibile per la settima volta io, motivata dal titolo del film, iniziavo la mia lista:

  • Uscire più spesso, senza usare come scusa il lavorostudiostanchezzafreddosonno. Questa storia che la nostra generazione preferisce Netflix + pizza sul divano (se volete qualche consiglio, ne abbiamo parlato qui) a una sana ubriacatura all’aria aperta è verissima, ma è il caso di regolarmi.
  • A proposito di Netflix: smetterla di riguardare i film che mi piacciono e iniziare a guardare quelli che non conosco.
  • Guardare qualche film di nicchia, tipo francese del dopo guerra, da potermi spendere nelle conversazioni più noiose.
  • Evitare le persone che fanno conversazioni noiose.
  • Comprare dei vestiti.
  • Smetterla di usare i vestiti di mia sorella (20 anni) o di mia madre (54 anni).
  • Mangiare qualche volta della verdura, così il mio corpo sarà più sano e mio padre smetterà di dirmelo come a una bambina di tre anni.
  • Bere più acqua (non è vero, ma è una di quelle cose che in una lista di buoni propositi sta sempre bene).
  • Smetterla di lamentarmi per il lavoro: se non mi piace, lo cambio. Se non l’ho ancora cambiato, un motivo c’è.
  • Andare dal dentista.
  • Andare al cinema.
  • Studiare!!
  • Trovare qualcos’altro da poter cucinare che non sia la carbonara.
  • Non lasciare biancheria intima sparsa per la casa del mio ragazzo (e neanche nella mia).
  • Non permettere che mia sorella sparga biancheria intima per la casa mia (non del mio ragazzo, spero).
  • Finire Downton Abbey.
  • Finire di leggere Guerra e Pace.
  • O almeno scoprire come va a finire.
  • Non scrivere articoli durante la pausa pranzo.
  • Anzi, scrivere articoli.

Perché sì, me ne sono accorta che non scrivo su questo blog da mesi. Non sapevo di cosa, non sapevo quando, come, perché. Ma se è tempo di nuovi propositi, è tempo anche di nuove idee. Quindi, bentornata voglia di scrivere. Bentornata updown girl.

TAGS
RELATED POSTS
Search